La vita è ricca di amorosi incanti

La vita è ricca di amorosi incanti,
di splendide visioni luminose –
onde azzurre spumose alle scogliere,
garruli fuochi in lingue scintillanti,
volti di bimbi in estasi sognanti
come coppe imbevute di chimere.

La vita vende gli amorosi incanti,
nella pioggia il pineto profumato –
c’è la musica, un alto arco dorato,
caldi abbracci, devoti sguardi amanti,
delizie dello spirito incorrotte,
visioni come stelle nella notte.

Spendi tutto per doni come questi,
senza pensare al conto della spesa.
Un’ora di pace candida, sicura,
vale di mesi ed anni amara attesa:
per un respiro di estasi pura
da’ quel che fosti, o ch’essere potresti.

Sara Teasdale
Ph Maria Letizia Maggio

26063675_10212994586412663_586505700769468853_o.jpg

 

Annunci

Code

Non mi dispiace fare le code,
c’è tempo per pensare,
per guardare dentro la borsa,
dentro la tasca dell’auto,
tempo per programmare i giorni a venire
domani dopodomani,
per guardare negli occhi di quell’extra gentile
(che vetro scintillante mi ha fatto,
gli ho chiesto il sinistro domani il destro,
ogni giorno un pezzetto diverso)
tempo per guardare quel bel geranio al quarto piano,
sta bagnandolo una vecchina pulita, bellina,
tempo per leggere i titoli, il nome di una via,
tempo per cominciare questa poesia.

Vivian Lamarque
Ph Maria Letizia Maggio

26171282_10212983871704802_8226286356536538606_o.jpg

 

Esilio

La mia vita
È un esilio senza ritorno.
Non ebbe casa
la mia errante infanzia perduta,
non ha terra
il mio esilio.
La mia vita navigò
su vascelli di nostalgia.
Vissi sulle rive del mare
guardando l’orizzonte
verso la mia casa sconosciuta
pensavo salpare un giorno
e il presente viaggio
mi lasciò ad altro porto di speranza.
E’ l’amore, forse,
la mia ultima baia?
Oh braccia che mi fecero prigioniera,
senza darmi riparo…
Anche dal crudele abbraccio
volli sfuggire.
Oh braccia fuggitive
che invano cercarono le mie mani….
Incessante fuga
e desiderio incessante
l’amore non è porto sicuro.
E non c’è terra promessa
per la mia speranza.

Alaide Foppa
Ph Maria Letizia Maggio

26171405_10212976401958063_3481662418188018666_o.jpg

 

L’istante

Di tutto il tempo che ho avuto e
di quello che avrò
c’è un istante indimenticabile, unico, trafiggente
come una spada: questo.
dove non succede niente, ma
la coppa piena di arance spicca contro
il grigio ferreo del cielo, oppure
sugli orecchini rimbalza una luce diversa
che crea giochi sul muro,
piccoli arcobaleni oscillanti con la mia testa.
questo è l’istante in cui scelgo di vivere,
di costruire, punto dopo punto, la retta del tempo.

Non c’è niente di più ma non c’è
niente di meno:
lo sguardo che costruisce il mondo da osservare

Franca Figliolini
Ph Maria Letizia Maggio


26063451_10212961897195453_2334465564385283567_o.jpg